Islanda in Camper

...il meglio dell'Isola in completa libertà.

Reykjavik

Islanda in Camper

...il meglio dell'Isola in completa libertà.

Circolo d'Oro

Islanda in Camper

...il meglio dell'Isola in completa libertà.

Skaftafell

Islanda in Camper

...il meglio dell'Isola in completa libertà.

Jokulsarlon

Islanda in Camper

 Le iscrizioni per i viaggi dell’estate 2019 sono aperte!!

La mia vita fin ora è stata formata da due elementi: i viaggi in camper e l’Islanda.
Ho avuto la fortuna di passare tutte le estati della mia infanzia in camper e da diversi anni tutti gli inverni e le estati in Islanda. Tre anni fa ho pensato di unire le mie due passioni più grandi, ed è così che ho inventato:

“IL” viaggio in camper

Si tratta di un viaggio di 7 giorni lungo la Ring Road, la strada principale islandese, per lo più asfaltata.

Il modo migliore per viaggiare in estate in Islanda è con un camper: gli hotel sono sempre cari e affollati e alcune zone scoppiano di turismo. Ed è così che noi, in totale libertà possiamo scegliere dove, come quando andare e quanto stare nei vari luoghi. Nei viaggi appena conclusi abbiamo avuto la possibilità di cucinare gli hamburger più buoni del mondo sotto Skogafoss, di grigliare sotto il Vatnajokull, di dormire nel deserto lavico e i ghiacciai islandesi. Voglio vedere chi altro l’ha fatto 😀

I posti disponibili, per la natura del camper, sono limitati.

PROGRAMMA DEL VIAGGIO

Primo giorno: cosa è un camper?

Dopo uno scalo da qualche parte in Europa, in prima serata arriveremo in Islanda. Ci accoglierà il deserto e per prima cosa ritireremo i nostri potenti mezzi, belli, lenti e ingombranti. Passeremo la giornata nella penisola di Reykjanesbær e se i negozi saranno ancora aperti, faremo le provviste per resto del viaggio.

Arrivati alla nostra base operativa – che è un posto segreto e speciale, faremo un briefing introduttivo sull’avventura, spiegheremo tutto sui camper e ci sistemeremo per bene all’interno (chi spinge di più prende i posti migliori).

Secondo giorno: destra o sinistra?

Svegliarsi, fare colazione vista oceano e faro è una figata. Dopo aver riscaldato i motori percorreremo la penisola lungo la strada secondaria che costeggia l’oceano e una valle vulcanica.

Primo stop della giornata è il Parco di Thingvellir, dove passeggeremo tra il continente nordamericano e quello Indoeuropeo, proprio lungo la separazione.
A Thingvellir sorge anche il Parlamento –il primo al mondo, e visiteremo la nostra prima cascatella. Pazzesco, tutti qui vanno fuori di testa, ma solo perché gli standard ancora sono bassi. Alla fine del viaggio, attraversando una morena e un ghiacciaio direte: “ah, un altro ghiacciaio grande quanto la Corsica. Bah.” La vostra vita sarà irrimediabilmente rovinata.

Il viaggio continua verso Geyser e Strokkur, il geyser che erutta ogni pochi minuti. Nella zona circostante sono presenti pozze che bollono, buche che bollono, fanghi che bollono e altre cose bollenti. Carino.

Dopo aver fatto il pieno di puzza di zolfo e di schizzi di geysir, ci sposteremo verso Gullfoss, una delle cascate più grandi d’Europa dove, quando c’è il sole, ci sono mille arcobaleni. La giornata può finire a mollo, nella pozza d’acqua calda che arriva da un geysir nella Secret Lagoon.  

 

Terzo giorno: la figa di pietra

Di mattina attraverseremo alcune strade interne fino ad arrivare sulla costa meridionale e a Seljalandsfoss. È una delle cascate più belle del Sud ed è possibile arrivare fin dietro il getto d’acqua. Ma non è qui che ci bagniamo…
La “figa di pietra” (o almeno è così che la chiamiamo noi), è qui che tutto è bagnato da morire. Raggiungeremo una cascata segreta tramite un piccolo canyon, saltellando sulle pietre del fiume.

Fradici andremo verso ovest e Skogafoss. Questa cascata è carina, si può andar sotto, si sale sopra, si sta in giro.
Il bello del camper è che dà la possibilità di avere una finestra privata in ogni parte del mondo. Mentre pranzeremo, dalla finestra ammireremo la cascata. E questa cosa non lo potrà fare mai nessuno -o almeno nessuno che non abbia un camper in Islanda.

Pomeriggio andremo ancora verso ovest, fino ad arrivare a Dyrholaey e ai suoi imponenti faraglioni dove passeremo un po’ di tempo a prenderci il freddo dell’oceano e gli schizzi delle onde altissime sotto di noi. Ma ne varrà la pena perché vedremo un arco di pietra e una spiaggia nerissima a perdita d’occhio.

E poi dormiremo nel deserto.

 

Quarto Giorno: ghiaccio e foche

Tutto il viaggio è bello, ma bello bello. Eppure oggi sarà una giornata speciale.

Prima raggiungeremo il Vatnajökull, una delle masse di ghiaccio più grandi al mondo. Passeremo la giornata sotto le varie lingue del ghiacciaio per vederlo il ghiacciaio da tutte le angolazioni e facendo un trekking nel Parco Nazionale.

Il pezzo forte della giornata sarà Jokulsarlon, la laguna dove galleggiano decine di iceberg. È stupendo passare il tempo lì perché a seconda della luce il ghiaccio assume colorazioni diverse: dal bianco latte al blu più intenso. Come se non bastasse le foche nuotano tra i pezzi di ghiaccio.

Dopo aver passeggiato anche per Diamond Beach, il punto in cui i ghiaccioli escono dalla laguna e incontrano l’oceano, si spiaggiano e riflettono il sole, torneremo verso il Parco Nazionale, dove dormiremo a due passi dal ghiacciaio.

 

Quinto giorno: il giro di boa.

Inizia la strada per il ritorno, siamo a metà strada.

Ci mettiamo in marcia verso Kirkjubaerjarklaustur (che probabilmente è scritto male) per vedere Flidjuardifori (questo è sicuramente scritto male). Si tratta di un canyon scavato dal piccolo fiume sottostante e la gola è lunga diversi chilometri.

Torneremo a Vik per cercare di non farci trascinare via dalla corrente lungo la spiaggia nera Reynisfjara. Qui nella spiaggia nera ci sarà del basalto nero, delle pietre nere e dei faraglioni neri. Il posto perfetto per quelli a cui piace il nero.

La giornata sarà bella intensa perché avremo a disposizione molte altre perle della costa Sud dell’Islanda. Si potrà scegliere se visitare un’altra lingua del ghiacciaio, camminare nel deserto fino a raggiungere un aereo precipitato o andare a cercare le pulcinelle di mare nelle isole Vestmannaeyjar. Basterà scegliere in base al meteo e alle tempistiche.

Sesto Giorno: relax.

Oggi continua la strada di ritorno. Lungo la marcia ci fermeremo a fare un bagno in fiume caldo naturale nella zona di Reykjadalur e prima di pranzo ci sposteremo a Reykjavik. Assaggeremo gli hot dog più buoni del mondo e dopo un paio di ore a zonzo per la città per visitare la Cattedrale, comprare due minchiate e farsi spennare nei negozi di souvenir (10€ una calamita), ci sposteremo verso la Blue Lagoon per concludere in bellezza la giornata.

Settimo Giorno :(

In mattinata si sale su un bruttissimo volo, diretti verso la realtà.

 

PREZZI

La quota comprende:

  • voli internazionali da Milano Malpensa con scalo (è possibile partire da altri aeroporti, sarà fatta una nuova quotazione);
  • il noleggio del camper (motorhome, non furgone) con WC, riscaldamento, cucina e tutti i servizi per tutte le notti di viaggio attorno all’Islanda;
  • assicurazione medico/bagaglio e assicurazione del veicolo;

La quota NON comprende:

  • eventuali visite a pagamento/piscine/escursioni extra; (la maggior parte delle cose che visiteremo saranno gratuite)
  • pranzi e cene in ristoranti;
  • carburante per i veicoli;
  • tutto ciò non specificato ne “la quota comprende”.

Per le spese extra, incluso il carburante, in genere spendiamo  tra i 100€ e i 150€, che saranno gestiti tramite una cassa comune. Le altre attività sono da considerare a parte.

Giugno

Dall'1 al 7 Giugno

Francesco

1750 €

Luglio

dal 22 al 28 Luglio

Francesco

1750 €

Agosto

dal 5 all'11 Agosto

Francesco

1800 €

dal 12 al 18 agosto

Francesco

1850 €

ATTIVITA' EXTRA

Lungo la strada possiamo scegliere di fare tante attività extra, guidati da organizzazioni del posto, ve ne elenco qualcuna:

  • Navigazione a bordo di uno Zodiak sulla laguna di Jokulsarlon, diretti verso il fronte del ghiacciaio che si si rompe e cade in acqua;
  • Blue Lagoon, le terme più famose del mondo;
  • Secret Lagoon, terme NATURALI
  • Trekking sul ghiacciaio, il livello è base e alla portata di tutti. Non è richiesta nessuna esperienza tecnica.

Sceglieremo quali attività fare una volta formato il gruppo e ne valuteremo la fattibilità e disponibilità.

INFO GENERALI

L’ordine del programma è puramente indicativo perché viaggiando in camper avremo libertà totale. Durante i nostri 2000Km vedremo quanto descritto e di più. Dormiremo ogni giorno in un posto diverso, tipo: laghi, campi lavici, sui fiordi, sotto ai ghiacciai e nei posti migliori che l’Islanda può offrire.

L’aurora boreale:

è più probabile assistere al fenomeno durante i mesi invernali (da ottobre ad Aprile) e per questo ho creato dei viaggi dedicati all’aurora: www.gabrielesaluci.it/viaggi/islanda-in-inverno.

In ogni caso, durante i viaggi in camper di fine Maggio e fine Agosto, dato che avremo qualche ora di buio, potremmo vedere il fenomeno, così come è successo negli anni passati, ma questo è un regalo speciale da parte dell’Islanda.

Il viaggio non è impegnativo ed è aperto a tutti coloro che hanno voglia di condividere un’avventura insieme ad altri appassionati viaggiatori.  Staremo a stretto contatto, ma anche questa è la parte bella del viaggio. Ogni gruppo si è subito , e siamo ancora tutti ottimi amici.

Questo è il secondo anno in cui andremo in Islanda in Camper. Nell’estate del 2017 sono stati tre i gruppi Sono contento di dire che abbiamo avuto mille piccoli imprevisti: a volte restavamo senza acqua, a volte il wc del camper era pieno, altre volte la stufa faceva i capricci e non ho mai visto persone così felici di scaricare i residui organici. La gente è proprio strana. Mi vergogno solo di quella volta che abbiamo fatto ballare “sciogli le trecce ai cavalli”… ai cavalli.  Ma gli unici che ballavano erano gli umani.

FAQ

Avendo organizzato diversi viaggi di gruppo e sapendo che un programma così eccitante fa sorgere mille domande, ho cercato di rispondere alle più importanti. Per altre info scrivete pure via mail 🙂

  • Non hai mai fatto un viaggio in camper.
    Neanche io quando avevo 2 anni, ma ho imparato subito. Si condividono spazi stretti, ma ci si abitua subito e la cosa è divertente.
    Dormiremo nei sacchi a pelo per cui anche nel letto matrimoniale ognuno avrà il suo spazio privato e sarà come dormire in tenda.
    Il camper ha tutti i comfort tra cui il WC, l’acqua e la doccia calda, il frigo, il riscaldamento, la cucina, l’elettricità, le ruote e gli ammortizzatori.
  • Un viaggio in camper è un viaggio da vecchi?
    Sì, è un viaggio da vecchi. Ma non dimenticate che i vecchi hanno passato la loro vita alla ricerca delle cose migliori e se alla fine hanno deciso di viaggiare in camper un motivo ci sarà. Sono contento di essere un vecchio se questo vuol dire scegliere i posti migliori, viaggiare dove e quando voglio in barba a programmi troppo rigidi da rispettare. Saremo vecchi amici che si divertono, a guardare il sole alle undici di sera e a chiacchierare, viaggiando dentro una scatoletta di vetroresina in uno dei posti più belli del pianeta.
  • Chi Siamo:
    saremo un gruppo di 12 ragazzi di età tra i 25 e i 35 anni, con qualche eccezione sopra o sotto. Saremo tutte persone aperte, felici di condividere gli spazi e un’esperienza unica e un gruppo di amici che ancora non sa di conoscersi.
  • Vantaggi del camper.
    Al contrario dei viaggi itineranti macchina/hotel, non dovremo perdere tempo a fare check-in e check-out e chiudere lo zaino ogni giorno perché la nostra casa sarà sempre con noi.
  • Temperature e curiosità:
    Nel periodo estivo in Islanda le temperature sono piacevoli. Di giorno col sole si può stare a maniche corte e di notte la temperatura non scende sotto lo zero.
    A Giugno il sole tramonta alle 23:44 e albeggia alle 3:11 di mattina.
    Avremo luce praticamente per tutto il giorno e nei primi e negli ultimi tour potrebbe darsi che vedremo anche un po’ di buio e magari… l’aurora boreale.
  • Di cosa si ha bisogno:
    Una volta effettuata l’iscrizione vi arriveranno tutte le comunicazioni utili per conoscere meglio l’Islanda la lista dell’attrezzatura per prepararsi al viaggio. Non servirà né allenamento né abbigliamento tecnico.
  • Altre info:
    Nei nostri viaggi in Islanda non è previsto il bagaglio da stiva (nemmeno a pagamento) per questioni pratiche e logistiche. Si partirà solamente con il bagaglio a mano e dopo l’iscrizione verrà fornita una guida con tutto il materiale e le modalità di preparazione.*tutti i tour sono gestiti in ogni aspetto burocratico e fiscale da Tour Operator qualificati e ufficiali o agenzie turistiche. Gli itinerari, i percorsi e le modalità dell’avventura sono state pensate e proposte agli organizzatori da Gabriele Saluci secondo la sua filosofia di viaggio, nel rispetto della natura e della cultura locale. “Islanda in camper” è gestito dall’Agenzia Viaggi Settantaduesimo Parallelo (Via M.Pagano 143 – 76125 Trani – p. IVA 07603920724 – http://lastminute.72parallelo.com ) .

GUIDE

Francesco

Sono Francesco Cassissa, 28 anni, genovese. E' da qualche tempo che non posso smettere di voler conoscere il mondo e le sue culture. Viaggiare mi ha permesso di vivere le mie passioni e gli interessi in maniera totale, a 360°. Viaggiare è ciò che permette di creare un tipo di esperienza attiva, utile alla comprensione di sé stessi e del mondo. Lavoro a tempo pieno come guida ufficiale Sto Gran Tour. Ho vissuto all'estero, nella fredda Lettonia e in Spagna. Adesso è il momento dell'Islanda, dove passo almeno 6 mesi l'anno.

RECENSIONI

Un viaggio nel viaggio

Giugno 2018

Un viaggio nel viaggio: l'Islanda è un paese magnifico e poterla visitare in camper accresce la sensazione di libertà di una terra ancora un po' remota! Consiglierei questo viaggio a chi ama la condivisione di un'esperienza simile

Bellissimo viaggio

Maggio 2018

Bellissimo viaggio, Gabri è riuscito a creare un gruppo fantastico pur tutti sconosciuti! L'idea dei camper è geniale, si riesce a sfruttare al massimo il tempo e permette varie modifiche al programma se necessarie.. che dire, ripartirei oggi! Esperienza consigliatissima, "guida" top!

È un viaggio unico

Agosto 2018

È un viaggio unico, che bisognerebbe fare almeno una volta nella vita. Non ci sono parole per descrivere la bellezza e la forza di questa terra. Le emozioni che la tipologia di viaggio e i luoghi che visiti ti fanno scaturire sono inspiegabili. L'unico modo per capirle è viverle!

Giugno

DATA: Dall'1 al 7 Giugno

Luglio

DATA: dal 22 al 28 Luglio

Agosto

DATA: dal 5 all'11 Agosto

DATA: dal 12 al 18 agosto

Per maggiori info scrivimi!

Segnala al tuo prossimo compagno